domotica in cucina esempi

La domotica in cucina

Il termine domotica deriva dal latino: ‘domus’ significa casa, mentre ‘ticos’ significa ‘scienza, applicazione’. Essa è una branca della tecnologia che si prefigge lo scopo di rendere più facilmente vivibile un’abitazione dal punto di vista tecnologico, di renderla comoda e sempre connessa, ma la domotica in cucina è parte integrante di questo concetto futuristico ma attuale.

Per esempio se si installano sistemi di domotica in casa è possibile controllare gli elettrodomestici da remoto, è possibile regolare il riscaldamento, l’illuminazione e l’apertura e chiusura delle porte.

La domotica in cucina è molto utile e comoda: permette di creare una ‘casa intelligente’ e di gestire gli elettrodomestici in modo sincronizzato, anche da remoto.

Il primo esempio di domotica in cucina è il c.d. ‘frigorifero intelligente’: si tratta di un frigo che è in grado di far capire, senza aprire l’anta, cosa contiene e in che quantità. Un frigo che, oltre a permettere di ascoltare un po’ di musica, permette anche di ordinare la frutta e la verdura direttamente dal display, molto velocemente e con tutta comodità, anche da casa. Così appena la verdura e la frutta stanno per finire è possibile ordinarli direttamente dalla propria cucina.

La Domotica in cucina: cosa vuol dire

la domotica in cucina

Domotica in cucina significa anche sistemi di accensione e spegnimento delle luci intelligenti. Con un solo pulsante è possibile spegnere tutte le luci di un piano o di un ambiente, evitando così di dimenticarne qualcuna accesa anche quando si esce di casa.

La domotica in cucina migliora il controllo degli elettrodomestici ma anche dei consumi, tenendo presente quanto si stia consumando di momento in momento; può permettere di contattare il tecnico con un clic.

La domotica in cucina permette anche di aumentare la sicurezza, per esempio allertando in caso percepisca una fuga di gas, allagamento, presenza di fumo.

Diverse aziende che si occupando di domotica e tecnologia si stanno attivando per creare app che consentano di monitorare e comunicare con tutti gli elettrodomestici della cucina anche con un messaggio.

In altri casi, si creano degli elettrodomestici dotati di touch-screen, come il piano cottura che visualizza anche le ricette direttamente in luogo, per non distrarsi troppo.

E per chi vuole esagerare, ci sono anche le notizie via Twitter e gli aggiornamenti sul meteo.

Si può comunicare col forno e col frigo direttamente dal proprio tablet o dallo smartphone, in qualsiasi zona della casa ci si trovi, e se si hanno le mani occupate ai fornelli, è possibile attivare il comando vocale per comunicare semplicemente con gli elettrodomestici.

Insomma, come è possibile intuire, le possibilità della domotica sono numerose, oltre l’immaginazione. E man mano che l’evoluzione tecnologia continua, è sempre più facile ottenere nuove funzioni sempre più perfezionate, trasformando così il modo di intendere e di vivere la cucina.

Sempre più aziende fanno a gara per offrire ai loro clienti delle cucine altamente tecnologiche e dove l’ingrediente sia la novità.

Interazioni con gli elettrodomestici sempre più perfette, vocali, per non doversi neppure avvicinare. Partenze programmate e a distanza, cotture perfezionate per mezzo dello smartphone o del tablet, controllo dei consumi energetici da remoto, possibilità di fare la spesa dal frigo o di chiamare il tecnico con un solo clic direttamente dall’elettrodomestico: è solo un assaggio di tutto quello che può fare la domotica in cucina.